Spiagge vietate ai cani

Come dobbiamo comportarci quando ci dicono di allontanarci dalla spiaggia, perchè il nostro cane non è gradito? Facciamo attenzione perchè, chi ci invita ad andare via, potrebbe non essere dalla parte della ragione!

Spiagge Vietate ai cani? Solo se è esposto il divieto!

condividi
Follow by Email
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Pinterest
LinkedIn

Come dobbiamo comportarci davanti ad una richiesta di andare via dalla spiaggia perchè non accetati con il nostro cane?

Aidaa (Associazione italiana difesa animali ed ambiente ) chiarisce la questione dibatutta spiegando che le spiagge sono vietate ai cani solo se ci sono i divieti esposti!

Condividiamo con voi il regolamento in modo da essere pronti e consapevoli davanti a chi vi chiede di andare via!

Secondo l’AIDAA sono oltre 3.000 le ordinanze emesse da Comuni, Capitanerie di porto, Provincie e Regioni più leggi regionali e i regolamenti dei singoli stabilimenti balneari

  1. I divieti devono essere chiari e comprensibili: nessuno può cacciare dalla spiaggia i cani accompagnati dal proprio padrone, se non ci sono dei divieti esposti e pubblicizzati regolarmente.
  2. Secondo quanto afferma l’associazione AIDAA solo le Forze dell’ordine (Capitaneria di Porto e i Vigili Urbani) possono invitare ad allontanarsi, ma non prima di avere informato della presenza dell’ordinanza di divieto. I vigili devono mostrare il divieto e indicare chiaramente il numero di ordinanza e la scadenza, in quanto molte ordinanze contengono divieti solo parziali, limitazioni orarie o riferite a singoli giorni della settimana. Il rifiuto di mostrare le ordinanze, rileva, “è passibile del reato di omissione di atti di ufficio”.
  3. In caso di multa, scrivere sempre sul verbale le motivazioni della vostra presenza in spiaggia: ad esempio mancanza di cartelli di divieto o di indicazione del numero di ordinanza e data di divieto dietro i cartelli. In modo da poter essere contestata davanti al giudice.
  4. Il proprietario del cane deve tenere l’animale al guinzaglio, raccogliere obbligatoriamente le deiezioni oltre ad evitare di liberare il cane in presenza di bambini o di altri soggetti a rischio o di altri cani. Da evitare anche, conclude Aidaa, l’esposizione prolungata dell’animale al sole, per evitare rischi alla sua salute.

Fonte AIDAA – ANSA

fedegiada

Lascia un commento